Frammenti di un discorso antimafioso (MNO)

Maxiprocesso: i francesi hanno l’Arc de Triomphe a Parigi, noi italiani l’Aula Bunker a Palermo. Sì, proprio quell’aula di forma ottagonale, che ha ospitato il più grande processo penale mai celebrato al mondo, progettata per resistere anche ad attacchi di tipo missilistico -ma non certo di tipo politico-, rappresenta la testimonianza dell’unico momento di “grandeur” antimafia nella storia della Repubblica. Dall’Arco di Trionfo, sulle cui pareti interne sono ricordati i nomi di 660 generali francesi, si accede direttamente verso il grande viale dei Champs-Élysées e da lì passò Napoleone Bonaparte per celebrare le sue vittorie. Dall’aula bunker, nelle cui gabbie durante il maxiprocesso furono custoditi ben 460 imputati per mafia e sulle cui sedie sfilarono oltre 200 avvocati difensori (totale 660, come i generali di Bonaparte), si accede direttamente verso il grande carcere borbonico dell’Ucciardone. Il maxiprocesso, in fondo, fu una sorta di rivoluzione francese al contrario. Il messaggio ai mafiosi era chiaro: la libertè potevano scordarsela, soprattutto i 19 condannati all’ergastolo, l’égalité dovevano conteggiarla ognuno a modo suo fino ad arrivare a un totale di 2665 anni di carcere ed infine, per quanto riguarda la fraternité, cioè il legame con i fratelli e le famiglie, si consigliava loro di fare un nodo al fazzoletto per non dimenticarsene. La celebrazione di questa liturgia, per essere completa…

IMG_4470

Negazionismo: Sindrome degenerativa da mafiadeficienza acquisita. Simile all’Alzheimerbipolare, si caratterizza per laperdita di memoria per ciò che potrebbe compromettere la propria reputazione o quella degli amici degli amici e una memoria lunghissima per tutti gli altri fatti, affari e vendette comprese. I primi sintomi sono riconoscibili quando il soggetto comincia ad affermare frasi del tipo: “la mafia non esiste”, ma studi clinici più recenti sono riusciti a rilevare altri deliri mnemonici quali: “la mafia in Lombardia non è mai arrivata”, oppure…

Nostalgia: “quando c’era la mafia si lavorava”. Questa frase la si è sentita spesso a Palermo e talvolta è anche apparsa su dei muri. E poi, cosa è successo? Non risulta che la mafia sia finita tra i “cari” estinti, anzi. E allora cosa?…

Omertà: forma di mutuo soccorso operata dai professionisti della politica, spesso in concorso con gli alti burocrati dello Stato. Professionisti nella costruzione dei muri d’omertà, onorevoli e tirapiedi vari hanno appreso quest’arte dai fratelli muratori affinandola nei decenni. Quando mai avete visto un’inchiesta partire da una denuncia dalla politica? Il fenomeno del pentitismo è praticamente assente. La regola semmai è: …

Onore: favoletta che si racconta ai figli dei mafiosi per farli addormentare…

Gianpiero Caldarella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...