Scomunicazione: 20 mila pagine sotto i mari

Cari lettori di Scomunicazione, mi sembrava fosse giunto il momento di dire che tipo di comunità sta creando questo sito. Ogni articolo scritto, ogni pagina su cui vi siete soffermati magari per caso surfando sopra i mari del web, ogni commento che avete lasciato, sta lentamente creando l’identità di questa casa virtuale. Il metodo dichiarato sin dall’inizio era quello della “decostruzione e della demolizione dell’ovvio”. Di ovvietà in giro se ne sentono fin troppe. Di trasparenza invece ce n’è poca.

Ma andiamo ai numeri di quest’anno. Nel 2016, in 10 mesi, dal 1° gennaio sino al 1° novembre, ho pubblicato 33 articoli, che hanno avuto 20039 letture da 16529 visitatori, praticamente ogni articolo è stato letto in medio da 607 persone, con punte da oltre 5mila lettori.scomunicazione_stat_2nov

I paesi di provenienza dei lettori sono 87. La parte del leone naturalmente la fa l’Italia, con 18527 pagine visitate, seguono gli “extracomunitari” del Regno Unito con 251, la Germania con 196, gli Stati Uniti con 181, la Francia con 132, la Svizzera con 121, il Belgio con 116 e poi tutti gli altri con meno di 100 visite. In fondo alla lista, ci sono paesi come il RAS di Macao, le isole Salamone, la Cambogia, Panama, il Qatar. In qualche modo ciò dimostra che gli italiani sono dappertutto.scomunicazione_paesi

Altra nota interessante per chi si occupa di numeri è che questo sito nel 2016 non ha prodotto un solo euro. La pubblicità che ogni tanto vedete in fondo alla pagina è inserita, gestita e pagata direttamente ai creatori della piattaforma wordpress che offre gratuitamente il servizio. Al contrario ad esempio di quanto succede per il sito www.scomunicazione.it (dove è conservato l’archivio di alcune delle più importanti riviste di satira realizzate in Italia negli ultimi 10 anni, come Pizzino ed Emme, archivio a disposizione gratuita per i lettori) per cui ogni anno paghiamo un costo che serve a rinnovare il dominio, ma anche lì niente pubblicità.

Quindi mi sembra doveroso chiudere con una pubblicità. Se mai ci fosse in ascolto un editore disposto ad ospitare (e a pagare, come si faceva una volta) un giornalista ed autore satirico, che si faccia avanti. Ho già pronta una rubrica: “Il minorato politico”, che poi sarebbe il sottoscritto, consapevole di essere minoranza, ma anche consapevole del fatto che certe cose in Italia, per raccontarle ed essere capiti, bisogna narrarle in modo molto semplice, e magari suscitare un sorriso. O una pernacchia per il tanto sbandierato maggioritario.

Gianpiero Caldarella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...