Tempa Rossa e la Primula Rossa. Affinità e divergenze fra Matteo Renzi e Matteo Messina Denaro.

“Quello di Tempa Rossa è un provvedimento giusto, vorrei che fosse chiaro agli italiani, perché porta posti di lavoro al sud”. Lo dice Matteo Renzi. Ragionamento semplice, liscio liscio, avrebbe potuto farlo anche Matteo Messina Denaro. In fondo anche lui da decenni porta posti di lavoro al sud. Ma a che prezzo? Priolo, Gela o Taranto meritavano questo modello di sviluppo? I disastri ambientali sono inevitabili come i disastri nella gestione dei beni confiscati?

Matteo-Messina-DenaroPerché, con tutta l’esperienza dei decenni passati, si insiste col martoriare il sud? Al ganzo Matteo non gli garberebbe una bella raffineria di petrolio vicino Firenze? Se il sud va sempre più a fondo è anche perché le aziende confiscate alla mafia non si bonificano, si lasciano marcire. Esattamente come i territori impestati da questi modelli di sviluppo cancerogeni.

Gianpiero Caldarella

Frammenti di un discorso antimafioso (RS)

Racket: sport di squadra ispirato al cricket diffusosi originariamente nel sud Italia e poi esportato verso il nord e in tutte le “Little Italy” del mondo. Anche nel racket si utilizzano mazze e guantoni, ma questi ultimi non sono indispensabili perché i giocatori amano esercitarsi con le mani nude. Tuttavia, si ricorre all’utilizzo dei guanti quando si lanciano palle esplosive verso avversari -che chiameremo “venditori” o “esercenti”- riottosi che si chiudono a saracinesca o quando si ricorre all’uso del super attack per incollare gli esercenti alle loro postazioni, ritardando così i loro movimenti di apertura. Non bisogna dimenticare infatti che lo “Spirito del Gioco” nel racket, così come nel cricket, viene prima di ogni altra cosa. E l’uso dei guanti rientra in questo “Spirito” perché permette alla squadra di sentirsi sempre protagonista ed elimina alla radice possibili problemi di narcisismo di uno dei giocatori che, lasciando le sue impronte, potrebbe essere acclamato dai sostenitori come beniamino della formazione. Dall’altro lato, in risposta ai battitori, i venditori raramente si lamentano con l’arbitro anche quando l’azione non è esattamente “pulita” sotto il profilo tecnico e cercano di regolare il gioco con un libero accordo tra i capitani. Accordo che talvolta è preventivo e in questi casi il battitore viene cercato dal venditore prima ancora che la partita cominci. Il fair play è dunque indispensabile, soprattutto quando si giocano partite che possono durare giorni e giorni…

Retorica: “le parole sono pietre”, diceva Carlo Levi, ma soprattutto sono a gratis. Non costano niente e vengono dimenticate facilmente. Facciamo a chi la spara più grossa?…

Cuffaro-la-mafia-fa-schifo

Schifo: c’era una volta un uomo che tuonò: “la mafia fa schifo”. Parole forti e dirette, che sembravano uscite dalla coscienza martoriata di un pentito, di un uomo che conosce bene il fenomeno e che se ne dissocia. Invece erano le parole di un uomo libero e potente, che aveva un’intera regione a i suoi piedi, e quella frase, stampata su mille e mille manifesti, ricoprì tutti i muri di Palermo …

Continua a leggere